Generatori di calore: guida INAIL alla prima verifica periodica

Da INAIL nuovo volume del DIT sui Generatori di calore alimentati da combustibile solido, liquido o gassoso per impianti centrali di riscaldamento utilizzanti acqua calda sotto pressione con temperatura dell’acqua non superiore alla temperatura di ebollizione alla pressione atmosferica, aventi potenzialità globale dei focolai superiore a 116 kw. Tali attrezzature appartengono al gruppo GVR – Gas, Vapore, Riscaldamento, di cui al punto 1.1.3 dell’allegato II al d.m. 11 aprile 2011
Si tratta di un Documento guida alle fasi di cui si compone l’attività di prima verifica periodica: non un riferimento vincolante, ma un esempio di armonizzazione su scala nazionale dell’approccio alla prima verifica periodica, definendo modalità per la conduzione dei controlli che possano essere di pratica utilità per tutti i soggetti coinvolti (soggetti abilitati e operatori di Asl/Arpa), anche al fine di garantire indicazioni e comportamenti coerenti all’utenza.
Articolazione del Documento INAIL Generatori di calore alimentati da combustibile solido, liquido o gassoso per impianti centrali di riscaldamento
Il Documento presenta un capitolo Campo di applicazione(Capitolo 1) che fa il punto sulla normativa applicabile a questi Sistemi. Un capitolo specifico riguarda poi la Comunicazione di messa in servizio/immatricolazione (Capitolo 3). Si passa poi a dettagliare la Richiesta di prima verifica periodica (Capitolo 4), i Riferimenti normativi, ma soprattutto centrale il capitolo sulla Dotazione dei dispositivi di sicurezza protezione e controllo (Capitolo 6) distinguendo le previsioni per impianti con vaso di espansione aperto, per tutti gli impianti con vaso di espansione chiuso, gli Impianti con generatori alimentati con combustibili solidi non polverizzati, gli Impianti con scambiatori di calore alimentati sul primario con fluidi a temperatura superiore a 110°C 18 F, gli Impianti con generatori di calore modulari e gli Impianti di cogenerazione e gli Impianti a pannelli solari
Cenni anche alla Categorizzazione PED 22 ed al Verbale di prima verifica periodica.
Finalità delle verifiche
Le verifiche periodiche (art. 2 dell’allegato II al d.m. 11 aprile 2011) sono ?nalizzate ad accertare la conformità alle modalità di installazione previste dal fabbricante nelle istruzioni d’uso, lo stato di manutenzione e conservazione, il mantenimento delle condizioni di sicurezza previste in origine dal fabbricante e speci?che dell’attrezzatura di lavoro, l’e?cienza dei dispositivi di sicurezza e di controllo.

Fonte: Insic