UNI 11720:2018 Manager HSE Health, Safety, Environment

La norma definisce i requisiti relativi all’attività professionale del Manager HSE, ossia di un professionista che ha le conoscenze, abilità e competenze che garantiscono la gestione complessiva e integrata dei processi e sotto processi in ambito HSE.

Considerando la rilevanza sociale, economica e normativa, sia in Italia che in Europa, delle tematiche relative alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e all’ambiente, risulta necessario riconoscere un livello professionale manageriale che abbia tra i suoi requisiti una conoscenza avanzata e la capacità di gestione integrata degli ambiti HSE. Tale conoscenza riguarda gli aspetti legali, normativi e tecnici e le competenze gestionali, relazionali, di leadership e di coordinamento al fine di contribuire alla definizione e all’aggiornamento delle politiche aziendali in materia di ambiente, salute e sicurezza, di supportare l’organizzazione nell’attuazione di tali politiche e di essere l’interlocutore di riferimento e un punto di integrazione in materia di HSE sia per gli enti e le funzioni aziendali, sia per gli stakeholder interni ed esterni all’organizzazione.
L’HSE Manager è una delle figure professionali più richieste sul mercato; tuttavia, trattandosi di una professione non regolamentata, non esiste né una definizione né un preciso ambito di operatività.
HSE, infatti, è l’acronimo di “Health, Safety & Environment”, e il manager HSE è stato spesso considerato un “tuttofare” all’interno dell’azienda.
La materia della sicurezza sul lavoro è ampiamente normata, con precisi obblighi la cui violazione comporta sanzioni, quella ambientale è molto ampia ma non imposta obbligatoriamente nelle aziende, così come non c’è una figura istituzionale come quella dell’RSPP.
Sicuramente HSE manager è un professionista altamente qualificato sia per le funzioni sia per i ruoli che racchiude “mescolando” le due materie, sicurezza lavoro e diritto ambientale.
Varie sono le differenze fra le due discipline: in merito all’istituto della delega e sugli obblighi di legge da una parte e la stratificazione normativa dall’altra, i modelli organizzativi sono di recente adozione per la sicurezza – più datati in materia ambientale.

Fonte: portale consulenti