Alimentazione e lavoro, factsheet Inail

È stata pubblicata da Inail tra maggio e giugno 2018 una serie di schede di approfondimento sul benessere negli ambienti di vita e di lavoro, la tutela dei lavoratori. Una di queste schede ha affrontato il tema Alimentazione e lavoro. Indicazioni per un’offerta mirata da parte delle mense, la prevenzione e la buona salute in rapporto agli alimenti quotidiani.

Stili di vita sani, mangiare sano sul lavoro, datori di lavoro e mense. Una corretta alimentazione viene ormai abitualmente indicata dalle istituzioni sanitarie nazionali e internazionali come una delle principali armi contro l’insorgere di malattie croniche non trasmissibili NCD, contro malattie cardiovascolari, respiratorie, tumori. Seguire un’alimentazione sana, favorire un’alimentazione sana sul lavoro diviene quindi uno degli accorgimenti chiave per la tutela della salute del lavoratore, che avrebbe poi conseguenze positive in termini di performance e produttività.

La scheda riporta in una tabella il rapporto tra tipi di mansione e dispendio energetico, tra lavoro leggero moderato pesante e assunzione di Kcal/H, differenti esigenze caloriche tra uomini e donne. Quindi Cinque regole fondamentali per una corretta alimentazione anche al lavoro, riassumendole: frutta e verdura, meno grassi, varietà, acqua in abbondanza, porzioni consone.

In merito ai pasti somministrati in azienda, viene consigliata un’attenzione particolare alle esigenze derivanti da patologie, intolleranze allergie. Si segnalano la possibilità di stipulare convenzioni per buoni pasto anche in frutteria, la vigilanza del medico competente ed eventualmente di un nutrizionista anche sui distributori automatici.

“Nelle mense aziendali potrebbero essere proposti menù con l’indicazione della composizione di ogni pietanza e delle relative calorie. L’attenzione alla dieta dovrebbe essere un argomento trattato nei corsi di informazione e formazione (Tabella 2) con la raccomandazione di tenere sotto controllo il peso utilizzando i parametri dell’indice di massa corporea e della circonferenza addominale”.

Fonte: Quotidiano sicurezza